• prova_slide2
alimentazione-pilates

Pilates e alimentazione

Come abbiamo già raccontato nell’articolo qui, il pilates è un valido aiuto per dimagrire perché va ad attivare la muscolatura superficiale e profonda. Durante la pratica i muscoli si tonificano e bruciano energia per nutrirsi ma quali sono i principi dell’alimentazione secondo la disciplina del pilates?

L’alimentazione nel pilates: sana ed equilibrata

Affiancare alla pratica del pilates una sana ed equilibrata alimentazione è fondamentale per ristabilire l’equilibrio e trovare il benessere interiore. Ecco alcuni consigli per strutturare una dieta settimanale equilibrata, adatta alla pratica del pilates.
  • CARBOIDRATI: detti anche glucidi, sono sostanza organiche composte da carbonio, idrogeno e ossigeno. I nutrizionisti consigliano di assumere durante l’arco della giornata una quantità di carboidrati pari a circa il 55-60% dell’apporto calorico giornaliero totale perché sono proprio i carboidrati a fornire energia all’organismo. Per questo è sempre bene accompagnare tutti i pasti con una piccola porzione di carboidrati.

  • VITAMINE: pur non avendo potere calorico, sono indispensabili per regolare le reazioni chimiche del nostro corpo comprese quelle energetiche. Alcune di queste, come la D è prodotta autonomamente dall’organismo ma la maggior parte deve comunque essere introdotta con l’alimentazione. Le vitamine essenziali sono 13 e si trovano principalmente in frutta e verdura ma non solo. Ad esempio la Vit. A si trova in fegato, tuorlo d’uovo, latte e negli ortaggi di colore giallo- arancio. La vit. D, che favorisce l’assorbimento del calcio e del fosforo, migliora la forza muscolare è quindi fondamentale per chi pratica sport. SI trova in uova, burro, aringhe, sardine e salmone. La vit. E, antiossidante per eccellenza, si trova in olio di soia, di mais, di semi di cotone, verdura a foglia verde, legumi, noci e cereali integrali. La vit. K favorisce il processo di coagulazione del sangue e si trova in verdura a foglia verde, asparagi, broccoli e cavoli. Vit. C: il nostro alleato per il buon funzionamento del sistema immunitario di trova in peperoni, i broccoli, i cavoli, i cavoletti di Bruxelles e i cavolfiori, gli spinaci, le cime di rapa e le altre verdure a foglia (come lattuga e radicchio), i pomodori e la zucca.

  • PROTEINE: spesso definite i mattoni del nostro corpo, svolgono funzioni primarie quali il rifornimento di sostanze necessarie per i processi di rinnovamento tissutale sono depositarie del codice genetico DNA e intervengono alla coagulazione del sangue oltre ad essere necessarie per la contrazione muscolare e per la difesa immunitaria. I nutrizionisti consigliano, per una dieta onnivora, di assumerne per ⅔ da alimenti di origine animale e per ⅓ da prodotti di origine vegetale. Inoltre si consiglia di assumere una quantità di proteine pari a circa il 15-20% dell’apporto calorico giornaliero totale.

  • GRASSI: difficile a credersi ma un’alimentazione bilanciata necessita di un apporto di grassi che sta intorno al 25% al giorno. I lipidi svolgono funzioni essenziali: sono fonte concentrata di energia, veicolano le vitamine liposolubili, agiscono sulla sazietà ritardando il senso di fame. Gli ammassi di trigliceridi accumulano le vitamine e funzionano da isolante termico, oltre a proteggere dai traumi. Ovviamente non bisogna eccedere e il grosso del danno è spesso data dalla loro cottura. Quindi preferire sempre grassi a crudo (come l’olio extra vergine d’oliva, vero elisir di lunga vita).

  • ANTIOSSIDANTI: sono sostanze in grado di combattere l’azione dei radicali liberi che vanno ad accelerare i processi di invecchiamento deprimendo il sistema immunitario e favorendo l’insorgenza di malattie e di forme tumorali. Gli alimenti con un più alto contenuto di antiossidanti sono: i mirtilli, more, cavolo verde, spinavi cotti, arance, uva nera e barbabietole.

  • SALI MINERALI: hanno un ruolo fondamentale nel rallentare l’invecchiamento e garantire la salute organica. Il calcio lo si trova essenzialmente in latte e formaggi; il fosforo che si trova in crusca, pesce, soia e germe di frumento, magnesio con crusca, cacao, frutta secca e mais e ferro presente nel fegato, nel cacao amaro, nella crusca di frumento, nel pepe nero, nei fagioli borlotti, lenticchie e radicchio verde. Poi il rame presente in fegato, funghi secchi, sesamo, cacao amaro, calamari e aragosta; lo iodio che si trova in alghe, aragosta, ostriche, aringhe e gamberetti, salmone e merluzzo.
    ACQUA: fondamentale. I nutrizionisti consigliano di berne almeno 1,5 litri al giorno fino ad arrivare a 2,5 l l’estate.

Come perdere peso e restare in forze per praticare il pilates

Come detto, per perdere peso e comunque avere abbastanza forze per non avere degli scompensi e riuscire a praticare uno sport come il piltaes si consiglia di seguire le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in fatto di alimentazione. In primis consiglia di effettuare almeno 5 pasti al giorno bilanciati assumendo in prevalenza frutta e verdura ma senza l’eliminazione di nessuna sostanza nutritiva detta sopra. Una volta pensata una dieta settimanale che contenga un buon apporto di tutti i nutrienti, si consiglia anche di concedersi un giorno a settimana per mangiare ciò che si preferisce, senza eccedere, ovviamente. Oltre a tutto questo si consiglia sempre di limitare all’osso il consumo di: zucchero, sale, caffè, tè e cacao (questi ultimi, essendo sostanze eccitanti, possono irritare stomaco ed intestino). Crediti foto copertina: Photo by Brooke Lark on Unsplash

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

STUDI PPM TORINO

Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO
Via Guarini 4, TORINO
Via San Secondo 72, TORINO

Tel e Cell

011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 327.258.07.42
011.011.197.05.609 - 371.1812414
011.026.0584 - 392.0364089

Mail

info@yogapilates.it

Orari segreteria

le segreterie sono disponibili dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 20.00
PREVIO APPUNTAMENTO TELEFONICO